facebook youtube Image Map

Lu Stampatu

by Big Mimma

supported by
/
  • Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

     €4 EUR  or more

     

  • Compact Disc (CD)

    Lu Stampatu with his amazing artwork by Martina Camano, Fabio Blundetto and Big Mimma.

    Includes unlimited streaming of Lu Stampatu via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ships out within 2 days

     €10 EUR or more

     

1.
02:41
2.
03:27
3.
03:16
4.
02:55
5.
02:52
6.
7.
03:09
8.
02:58
9.
10.
11.
01:35

credits

released 23 June 2013

tags

license

all rights reserved

feeds

feeds for this album, this artist
Track Name: Mbriacuni
Mbivia du pacciu mbivia
chiddu chiamatu pacciu
mbivia
vinu di cartuni 'nto cartuni

E tornava
il dottore alla sua casa
tornava
ricca, e china di l'amuri
pi so figghi
Track Name: Badiazza
Ntà chianata da Badiazza
c'era un vecchiu
ca babbazza

E iò ci dissi "unni annati?'"
mi ghiavau du tumpulati
poi ci dissi: “pirchì?”
minni desi nautri tri

Ntà chianata da Badiazza
c'era un vecchiu
ca babbazza

E ci dissi: "aviti tortu"
minni desi n’autri ottu.
ci portai le so ragiuni
mi ghiavau menzu matuni

Ntà chianata da Badiazza
c'era un vecchiu
ca babbazza

E pinsai mi ci dugnu
na tumpulata
ni pigghiai na carrittata

Ntà chianata da Badiazza
c'era un vecchiu
ca babbazza
Track Name: 3 33
Mani supra lignu
minni supra cori
l'anima di li cristiani
a peti 'nterra
bagnata la strada

Maria cantava
denti bianchi
cori forti
sulu terzi pettu pettu
anima chi sona
a peti nterra

E passava un niru
di duluri mai stancu
e tre dottori pronti pi spugghiari
ed operare

3 -33 -33 -33
3- 33 -33 -33

E mori, mori, mori
si nchidunu l'occhi du suli
un pavone nell'orto di cesare
sauta du muru
a peti nterra
Track Name: Malaffari
Lu pasi è du patruni
e allura sa chi fà?
iddu punta na fimminedda
e allura sai chi fà, chi ci fà?
la strazza du maritu,
però sai comu fu?

Micu dimmi cu è da biddizza rara
Signuri è vostra serva 'ntà la nuciddera

A caccia mi lu portu lo so maritu
mi lu porto e mi lu portu
comu n'amicu
na disgrazia ci la cunsamu

Sparici, sparici, addà biccaccia ddà
attento pirchì è bascia sta attentu

Scappa fui vattini da lu paisi
mazzasti nu cristianu chi malaffari

Lu cristianeddu scappa pi non turnari chiù
la mugghieri si la porta lu patruni a casa
nasciu na regginotta cu l'occhi i mari
nasciu na regginotta du malaffari
Track Name: La Foresta
Sono la foresta
di li sordi sacciu a fossa
non circari nenti
non tuccari li presenti

Un generale che si inoltrò
pirdiu la so ragiuni e più non tornò
li frati di un monasteru
circannu lu signuri fineru n'to vadduni

Sono la foresta
di li sordi sacciu a fossa
non circari nenti
non tuccari li presenti

Si voi sapiri du mazzu lu sett’oru
ma ridiri u nomi di l'abberi u signuri
si mi maledici
vedrai chi picca vali, l'oru nto casciuni

Lu Signuri mi t'accumpagna
c'un bastuni e cu na canna
cu na campanedda o culu
quannu passi fai rumuru

Tu non voi capiri che è vera la ragiuni
supra li to stenti facemu na canzuni
tu non voi capiri che è vera la ragiuni
supra li to stenti facemu na canzuni

Sono la foresta
Track Name: Nigghia Nigghia
C'è un barista banconista
nto vinti a Milano
e stu cristu picciriddu
nasciu 'nto postu a ripostu
e dà lassau famigghia e zita
pi fari soddi a Milano

E nigghia nigghia
'nta strada la sira di casa
cantava li cunti
di notti di invernu
passati davanti allo fucu, chi pena
la luna piena

E nigghia nigghia
arrivatu alla piazza
d'un santu mazzatu
pi testimoniari all'omini bestie
i du diu, sempri giratu

E d’un trattu, di intrasattu
ci ghicarun li ginocchi
mamma mia c'avia sintuto
du lupinaru l'ululato

E ridi ridi
chi puru don cicciu
u lupu i ripostu
lassau lu paisi
pi fari soddi a Milano
a Milano
Track Name: Saracini
Prima di menzanotti sbarcaruno li saracini
prima di menzanotti
prima di menzanotti sarbati i nostri genti
mucciate i nostri figghi

Prima di menzanotti
sunati li campani
prigati lu Signuri
fineru i nostri tempi
fineru li cristiani
prigati lu Signuri

Apritici li porti
facitili trasiri
Viva li saracini!

Che bellu lu sultanu
cu tutti li so beni
che bellu lu sultanu

Prima di menzanotti

Prima di menzanotti
sunati li campani
prigati lu signuri
fineru i nostri tempi
fineru li cristiani
prigati lu Signuri


"Se s'arza la venta a muttari pi ghintra allura slarga, ma accussì fittu? Chistu tempu di darisi a cura è?". (Un poeta pescatore di Mazara del Vallo)
Track Name: Pani Mottu
Cattai cinquanta chili di pani mottu
da vendere agli uccelli, pezzu pezzu

Manata a manata pi spughiarimi di
sti inutili bisogni, pi stari friscu, in mutanni

Di qua sono, suduri e travagghiu
e suduri e travagghiu
na cosa sula fannu:
sangu amaru e tanta siti

Paroli e paroli e paroli stu paisi non cunta nenti
e nenti senti
liggi sopra liggi e ancora liggi
fannu sulu ladriceddi
e presidenti

E nto sò sogni sulu soddi e machinari
e ntà sò menti na cosa sulamenti
portantini e macellari
avvucati e raggiuneri
puttaneri e suffaroli
cuntunu i soddi chi carrioli

E notari e dirigenti
futtisteri e parlamenti
magistrati e praticanti
chi fistini su cuntenti

Portantini e macellari
avvucati e raggiuneri
puttaneri e suffaroli
e non bastunu li paroli
Track Name: La Signora Mimma
La signora Mimma sul tapis roulant
con la tuta stritta stritta
che si infossa nella fissa

Mentre pedalando mi sdirupo
nelle vertigini del ricordo
e mi ricordo Don Peppi che
mi sgomitava nello sterno
bestemmiando

Troppo belli i cinque satiri
ubriachi e blasfemi
nel gran tino della cantina
appresso casa
mentre dentro casa sgambettavo
tra amici di famigghia
che ora non ci credono

E dall'illustre Nunzia
sunannu calici ca panza
giocano a carte cinque diavoli
curnuti e cuntenti
nel gran fumo della bottega
bleffando casa

Mentre il santo dentro la sua chiesa
chi sordi da cumacca
leggeva i morti sull'altare
Track Name: Il Trombettiere a Cavallo Davanti alla Porta del Sultano nella Stanza degli Acquerelli Fantastici di Casimiro Piccolo
Entra nella stanza degli acquerelli fantastici di Casimiro Piccolo: http://www.dromo.net/acquarelli/
Track Name: Paddi Niri
Paddi Niri Maestru
Stava sbronzandosi a lu suli
quannu passau
lu basciu 'mperaturi

"Dimmi tu chi boi
antico sapientone!"

"Leviti di paddi chi
Mi fai scuru
mio signore"

Quello meravigliato
Si tolse dalla visione
e puttati tri buttani
ci fici l'offertone

Lui ridennu si misi
Di traversu dicennu:
"Non vidi chi mi livai puru lu sterzo?"

Quello tutto pompato allora
Ci desi menzu miliuni

E iddu senza ringraziari
ci desi a unni mi si ietta a mari

Paddi Niri fu un grande sapientone
e tutti su ricoddunu pu so ranni diri